Contatti azienda: e-mail info@rossolimone.com
tel.+39.0439026100 +39.3332678570



Vademecum sulla contraccezione
Il 26 settembre è la Giornata Mondiale della Contraccezione, dedicata alla sensibilizzazione e al miglioramento delle conoscenze sulla salute sessuale e riproduttiva, con una visione di "un mondo in cui ogni gravidanza sia desiderata".

L’obbiettivo è promuovere la consapevolezza, la responsabilità e il rispetto per se stessi e gli altri…concetti fondamentali per tutti.

Con questo non si deve e non si può sminuire il rapporto tra una madre e un figlio nato da una gravidanza non programmata, sia chiaro.
La contraccezione è sicuramente un tema molto sentito dalle donne, ricordiamo però che i figli sono un dono e che, come tale, non può sempre essere programmato.


Nel 2016 esistono tantissimi modi per evitare gravidanze non programmate e di seguito voglio elencartene alcuni, consigliandoti anche a chi rivolgerti per accompagnarti ad una scelta consapevole:

-Il preservativo: è uno strumento pratico e ne esistono di tantissimi tipi tra cui: quello femminile, quello maschile, con l’applicatore, colorato ai gusti, luminescente, stimolante ecc. ecc.
È di fondamentale importanza metterlo nel modo corretto, se messo male può rompersi e perdere la sua capacità contraccettiva e di difesa dalle malattie sessualmente trasmissibili.
Questo è L’UNICO contraccettivo che difende dalle malattie che a trasmissione sessuale, in rapporti occasionali, all'inizio di una relazione o in “coppie aperte”.
Se desideri informazioni sui tipi di preservativi (metodo che può trasformarsi in un gioco molto divertente) puoi chiamare la referente o il referente RossoLimone più vicino a te oppure scrivici a info@rossolimone.com.

-Il diaframma: questo strumento non è recente anche se poco conosciuto. È una sorta di coppettina che va posta davanti alla cervice dopo aver messo una giusta quantità di gel spermicida o altra lozione che ti verrà prescritta.
Il diaframma impedisce meccanicamente che gli spermatozoi possano passare attraverso la cervice, evitando quindi la fecondazione.
È in taglie e si deve rivolgersi ad una ostetrica o un ginecologo per la prescrizione della taglia corretta, basata sulla dimensione della tua cervice. Informati prima se il o la specialista a cui decidi di rivolgerti offre questo tipo di servizio.
È assolutamente importante imparare a mettere bene (solitamente il/la tuo/tua specialista ti insegna anche a metterlo) il diaframma e avere o permettersi di accrescere la consapevolezza verso il proprio corpo.

-Metodi ormonali: sono uno strumento che lavora sugli ormoni della donna. Gli ormoni assunti detta in parole molto povere mettono a riposo le ovaie che non lavorano più, aumentando la consistenza del muco cervicale, riducendo drasticamente il rischio di gravidanze indesiderate.
Essendo metodi farmacologici devono essere prescritti sotto somministrazione del/la ginecologo/a dopo aver fatto tutti gli esami necessari che permettono una valutazione del dosaggio adeguato di ormoni da assumere. Possono dare effetti collaterali (tra cui il calo della libido).
Ci sono diversi metodi contraccettivi ormonali:
-La pillola: è in forma di pastiglia e va assunta regolarmente e con precisione (se si salta un giorno o si sposta l’assunzione di molte ore si rischia di perdere l’effetto rischiando di rimanere incinte).
Ne esistono di diverse tipologie a seconda del tipo di ciclo e di dosaggio ormonale.
-Il Cerotto: è un vero e proprio cerotto che va applicato in precise zone del corpo che rilascia gli ormoni attraverso la pelle.
-L’anello: è un anello di silicone che va inserito all’interno della vagina e rilascia gli ormoni al suo interno dove vengono assorbiti.
-Impianto ormonale sottocutaneo: è un bastoncino morbido e flessibile che viene inserito dal medico nella zona sottocutanea dell’avambraccio attraverso un intervento ambulatoriale, eseguito, se si desidera, in anestesia locale. Sia l’inserimento che la rimozione devono essere effettuati dal medico. Il dispositivo va cambiato circa ogni 3 anni.
L’impianto rilascerà gradualmente la dose di ormone corretta.
L’impianto contiene il solo ormone progestinico a basso dosaggio: per questo è particolarmente consigliato alle donne che non possono assumere estrogeni, come ad esempio le fumatrici, le donne in sovrappeso e quelle con problemi cardiovascolari.

-La spirale intrauterina: è uno strumento contraccettivo e intercettivo.
È un piccolo supporto in plastica, a forma di ancora, avvolto da un filo di rame (da qui il nome "spirale") che viene inserito nell'utero, solitamente durante il ciclo mestruale, da un ginecologo esperto, tramite una piccola cannula flessibile.
La spirale impedisce la fecondazione, oppure, laddove questa sia eventualmente avvenuta, ostacola secondariamente l'annidamento dell'embrione nell'utero.
È uno strumento molto efficace che può dare effetti collaterali.

-Sistemi elettronici: sono Dispositivi Medici per il controllo computerizzato del ciclo che indicano alla donna i giorni sicuramente NON-fertili e quelli potenzialmente fertili.
Ne esistono di diversi tipi tra cui:
-Con analisi delle urine: determina lo stato ormonale e la percentuale di rischio di gravidanze. Si usa a casa, ogni giorno si deve semplicemente urinare su un apposito talloncino che va poi inserito all’interno dello strumento che analizzerà e darà il risultato.
-Misurazione della temperatura basale: la donna, una volta al giorno, misura in modo sublinguale, con l’apposito sensore, la temperatura basale e immette, quando presente, il dato mestruale. Il programma memorizza i dati della donna, calcola i valori medi delle temperature delle diverse fasi del ciclo, compie una serie di elaborazioni e di comparazione tra i dati rilevati e quelli memorizzati, riconosce e scarta automaticamente singoli dati non attendibili (ad es. per febbre).
Può essere usato sia come contraccettivo, per tutte coloro che vogliono evitare una gravidanza, ma anche per le donne che cercano in rimanere incinta.
I metodi elettronici non sono adatti a tutte, possono essere sconsigliati se si ha un ciclo molto irregolare (inferiore ai 23 giorni o superiore ai 35), si hanno sintomi di menopausa, si sta allattando, ci si sottopone a terapie ormonali o antibiotiche, si è affette da insufficienza epatica o renale o da sindrome dell’ovaio policistico.

-Coito interrotto: consiste nell’eiaculare al di fuori della vagina. Questo è un metodo ESTREMAMENTE rischioso. Per l’uomo può essere difficile avere un controllo completo sul suo orgasmo (oltre che ha limitare il piacere maschile) in più durante l’erezione e prima dell’orgasmo avvengono fuoriuscite di liquidi dall’uretra che possono contenere residui di sperma.

-Sterilizzazione: metodo contraccettivo irreversibile che avvengono tramite intervento chirurgico. È un metodo molto invasivo che va seguito da personale medico e psicologico qualificato.
Per l’uomo si chiama Vasectomia e Chiusura delle tube per la donna.
La sterilizzazione dove essere utilizzata come metodo contraccettivo solo quando si è ASSOLUTAMENTE certi di non voler figli.
-Vasectomia: si legano o interrompono i dotti deferenti, in modo che non trasportino più gli spermatozoi. L’eiaculazione non ne risente e gli uomini che si sono sottoposti all’intervento, confermano che dopo la sterilizzazione non c’è alcuna differenza di quantità.
Ti ricordo che l’eiaculato da tre liquidi, due sono ancora lì, mancano solo gli spermatozoi
- Chiusura delle tube: si legano o recidono le tube di Falloppio. Questo però non inibisce il ciclo mestruale che continua con la stessa regolarità. Può verificarsi un calo della lubrificazione.

Esistono metodi naturali che prevedono una profonda conoscenza del proprio corpo, dei propri tempi. Se vuoi affidarti a questo tipo di contraccezione devi rivolgerti a persone specializzate sul tema, che posso guidarti con competenza.

Ti ricordo che in Italia abbiamo un’importante rete di consultori (anche se negli ultimi anni hanno subito grossi tagli) a cui potersi rivolgere per consigli e sostegno in vari ambiti.

Organizza un percorso RossoLimone, chiama la referente o il referente più vicino a te, puoi trovare qui tutti i contatti (Contatti Uomini e Contatti Donne)
Oppure scrivi a info@rossolimone.com

Desideri maggiori informazioni per entrare a far parte del team RossoLimone, clicca qui.
Pubblicato il 26 settembre 2016 nella categoria
Articoli Gallery Lavora con noi Presentazione Catalogo Recensioni Video Press

Rosso Limone s.r.l, Via Cede 2, Cesiomaggiore (BL) 32030, P.IVA: 01128480256